Comunicato Stampa della Lega Pallavolo Serie A

 


LUCA CANTAGALLI FESTEGGIATO DALLA LEGA PALLAVOLO SERIE A: TUTTI IN PIEDI PER L’ULTIMA BATTUTA DEL “BAZOOKA”, CHE ENTRA IN CAMPO COME… SUPERMAN



Sorpresa e applausi scroscianti a Montichiari, quando l’ex campione del mondo, mentre commenta il match per SKY, si toglie giacca e camicia ed all’improvviso fa il suo ingresso nella Computer Discount Italia di Lega
 
Momento di grande commozione e standing-ovation al TIM All Star Volley per “l’evento nell’evento”. A sorpresa, infatti, la Lega Pallavolo Serie A aveva preparato come omaggio alla sua clamorosa carriera l’ingresso in campo di Luca Cantagalli, non inserito in rosa ma bensì impegnato nel commento “live” ai microfoni di SKY Sport.
 
Il secondo match dell’Evento è stato fermato all’improvviso per un’azione imprevista. Hristo Zlatanov, d’accordo con la occulta regia di Lega, ha goffamente sbagliato una battuta e Fefé De Giorgi ha invocato platealmente un anomalo cambio.
 
E Luca, commentatore tecnico, si è alzato dalla postazione commento di SKY Sport rivelando, novello Clark Kent, una divisa della Computer Discount Italia di Lega col suo storico numero 10 sotto la camicia e la giacca. Si è tolto la cuffia microfonata di SKY e ha lasciato la postazione, da dove stava commentando la partita insieme a Lorenzo Dallari e Franco Bertoli.
 
Ha dato quindi il cambio al complice Zlatanov, per l’ultima battuta della sua carriera (a punteggio congelato) fra gli applausi del pubblico di Montichiari, tutto in piedi.
 
Commosso e felice, il “Bazooka” ha poi lasciato il campo dopo un’azione che non è stata conteggiata dai tabellini, ma che resterà nella storia della pallavolo come l’ultima apparizione di un grande campione.
 
Luca Cantagalli è nato a Cavriago l’8 dicembre del 1965. Alto 199, ha giocato come centrale a inizio carriera per poi rivestire il ruolo di schiacciatore con cui ha scritto una grande pagina della storia del Campionato di Serie A e della Nazionale. Disputate le giovanili nella sua Cavriago, ha esordito direttamente nella massima categoria italiana nel 1980-81, giocando nella Panini Modena per 10 anni consecutivo. Passato alla Sisley Treviso (2 stagioni), è rientrato a Modena dove ha giocato fino al 1998. Due anni a Palermo, poi di nuovo nella sua Modena (dove la curva lo chiama “Il Sindaco”). Ha concluso la sua carriera con una stagione alla Prisma Taranto e quella passata alla Codyeco Santa Croce. Ha disputato in tutto 26 stagione consecutive in A1, vincendo 7 scudetti, 7 Coppe Italia e 1 Supercoppa. In Europa ha firmato 4 Coppe dei Campioni, 7 Coppe Cev, 2 Coppe delle Coppe e 1 Supercoppa Europea.
In nazionale ha esordito ad Aosta il 18 marzo 1986 (Italia-Argentina 3-2), disputando 330 partite. Ha vinto l’argento olimpico ad Atlanta, due ori mondiali e 3 europei.
Nella stagione in corso è entrato a far parte della squadra dei “colors” di SKY Sport.