Conquistata la Coppa Italia di A2

La prima volta non si dimentica mai. Milano mette in bacheca il primo trofeo della sua storia, iniziata il 4 giugno del 2006, quando Claudio Giovanardi ha acquisito i diritti per l’A2. Con una Final Four dominata dall’inizio alla fine la Sparkling vince Tim Cup A2, conquistata senza perdere nemmeno uno set: 3-0 al Crema nei quarti e identico risultato con Corigliano in semifinale e con Pineto nella finalissima. Una finale dominata dall’inizio alla fine, una partita perfetta in cui ha brillato su tutti capitan Riccardo Spairani (15 punti, 88% di attacchi punto), premiato come MVP della manifestazione: “Sono felicissimo per la conquista della Coppa Italia perché è un risultato storico per la mia città – commenta durante la festa il centrale milanese – dedico il premio di Mvp ai miei genitori e alla mia ragazza che mi seguono da sempre, mi fa particolarmente piacere perché è il primo premio personale della mia carriera e penso che sia un riconoscimento per la tanta gavetta che mi sono fatto”.
Festeggiatissimo dai giocatori anche Daniele Ricci che si gode la vittoria: “E’ una bella testimonianza del duro lavoro fatto, da noi in palestra e dalla dirigenza e dalla proprietà dietro la scrivania. Di certo non ci sediamo ora, il nostro obiettivo è un altro, che non voglio nominare, e quindi continueremo a lavorare duro in questa direzione”.
Ricci ha schierato il sestetto vincente in semifinale, ma in panchina non ha potuto contare sullo schiacciatore danese Jesper Lundtang che, nell’allenamento di rifinitura, ha accusato un risentimento al tendine rotuleo del ginocchio sinistro e verrà sottoposto ad accertamenti in settimana.
Pronti via e Novotny inaugura la sua partita con un ace, poi Milano si porta sul 2-5 con due secondi tocchi consecutivi di Travica. I gialloverdi tornano in parità sul 6-6 e la Sparkling va al primo time-out avanti di due lunghezze grazie a un ace di Platenik. Pineto risponde portandosi sull’11-10, ma la contro riposta della Sparkling è perentoria con un 5-0 firmato da due punti di fila di Spairani, un ace di Benito e un muro di Platenik, si va così al secondo time-out tecnico sul 13-16. Spairani e compagni si portano sul +4 con due punti consecutivi di Novotny (14-18). Il set scorre via con Milano sempre avanti di 2-3 punti con Travica che realizza il 19-22 ancora con un secondo tocco, Spairani realizza un ace per il 20-24, chiude i conti Novotny che realizza il suo sesto punto personale.
Secondo set che presenta scarti superiori ad un punto fino al 10-10, quando la Sparkling si porta sul +2 con Novotny (10-12) che si ripete poco dopo per il 12-14, seguito da Spairani che firma il punto successivo con un muro. Si va così al secondo time-out tecnico con i milanesi avanti di tre lunghezze e, al ritorno in campo, Benito con un muro a 1 ferma Bergamo e Novotny firma il +5 (13-18) che costringe Fracascia a chiamare time-out. La solfa non cambia perché uno scatenato Benito ferma ancora Baldasseroni a muro. Il cubano, lanciatissimo si concede anche l’ace del 14-21 (aiutato comunque dal nastro), Fracascia chiama ancora time-out, ma Milano è un treno in corsa e due muri, uno di Spairani e uno di Platenik, portano Milano sul 14-23 e quindi un errore abruzzese regala il primo set point alla Sparkling. Chiude Platenik sul 15-25 con una gran diagonale da posto 4.
Pronti via nel terzo set e terzo set Milano parte con un 4-0, due muri di Spairani, un ace di Novotny e un mani fuori propiziato da Benito. Il capitano della Sparkling è incontenibile e con un muro e un primo tempo porta i suoi sull’1-7. La corsa milanese non si ferma, sul 2-10 il tecnico abruzzese chiama il secondo time-out, ma la Sparkling continua a correre Novotny e Insalata firmano il 5-14 e Platenik i successivi due punti con altrettanti ace (5-16). Time-out tecnico e Novotny mette a segno il 5-17 ma la partita è finita e l’ultima parte del set si trasforma in una passerella trionfale che si chiude sul 10-25 dopo soli 62’ di partita.

FRAMASIL CUCINE PINETO – SPARKLING VOLLEY MILANO 0-3 (21-25; 15-25; 10-25)
Pineto: Ronaldo, Bergamo 4, Baldasseroni 6, Zagonel 4, Sborgia 5, Russo 5, Fenili (L), Antequera, Medori , Mancini 2, Beltran, Leone ne. All. Fracascia.
Milano: Travica 4, Novotny 12, Platenik 13, Benito 10, Spairani 15, Insalata 4, Tabanelli (L), Ioppi ne, Lundtang ne, Casagrande ne, Sirri ne, Mengozzi ne. All. Ricci
Arbitri: Trevisan e Rusalen
Durata set: 24’, 21’, 17’. Tot: 1h 02’

Alberto Ambrogi
Addetto Stampa Sparkling Milano
ufficiostampa@sparklingvolley.com